Il dialogo e la condivisione per la tutela della salute e dell’ambiente

21.09.2018 08:30 - 22.09.2018 18:30
Polo Didattico Piagge
Postato da Amministrazione
Categorie: Ambiente
Visite: 212

PISA - Si terrà venerdì 21 e sabato 22 settembre, al Polo didattico delle Piagge, il convegno su “Il dialogo e la condivisione per la tutela della salute e dell’ambiente”, che affronterà la complessità dei fattori che legano l’ambiente alla salute umana e la molteplicità degli attori coinvolti per tendere a un’azione unitaria, coordinata e sinergica. Su questi fronti le maggiori criticità riguardano proprio le carenze nella condivisione di dati e informazioni, nello scambio di idee sugli obiettivi prioritari, nella partecipazione sociale alle scelte politiche. La parola chiave per una migliore gestione dei rischi ambientali è quindi il dialogo, inteso nella sua accezione più vasta, che indica la capacità di comunicazione e comprensione reciproca.

A 25 anni dal referendum che separò politicamente la tutela ambientale da quella sanitaria è opinione largamente condivisa che questi due ambiti debbano ricomporsi in un approccio condiviso, attraverso il dialogo fra istituzioni a tutti i livelli, dai ministeri ai centri tecnici e di ricerca, fino alle articolazioni a livello locale. D’altra parte le competenze necessarie a salvaguardare l’ambiente e la salute sono così variegate che impongono un lavoro ampiamente interdisciplinare, attraverso il dialogo fra esperti di varie discipline per condividere linguaggi, metodologie e obiettivi. Soprattutto i cittadini, più consapevoli della relazione ambiente e salute, chiedono oggi un maggiore dialogo con i tecnici e i decisori, basato su informazioni rigorose e comprensibili, che consenta la loro partecipazione attiva. Altrettanto importante è il dialogo fra politici e tecnici e la comunicazione con i mass media.

Il convegno, promosso dalla Società italiana di igiene e dall’Associazione italiana di epidemiologia, ha ottenuto il patrocinio, oltre che dell’Università di Pisa, sede dell’evento, di numerosi enti, istituzioni e associazioni. La “call for abstract” ha raccolto più di 40 contributi. Il convegno attribuisce 9,8 crediti ECM per le seguenti professioni: medico chirurgo (tutte le discipline), biologo, chimico (chimica analitica), fisico (fisica sanitaria), farmacista (tutte le discipline), assistente sanitario, tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, veterinario (tutte le discipline).

Questo sito Web utilizza i cookie per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web