Donne e ragazze nella Scienza

Donne e ragazze nella Scienza

Da 11.02.2020 17:00 fino a quando 11.02.2020 19:00

a Palazzo Bo Padova

Postato da Amministrazione

Visite: 276


In occasione della quinta Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza, l’Università di Padova e la Fondazione Ricerca biomedica avanzata promuovono un incontro aperto alla cittadinanza sul binomio donne e scienza.

L'11 febbraio è infatti una giornata di confronto, discussione, sensibilizzazione per promuovere cambiamenti e offrire ai giovani, ragazze e ragazzi, gli strumenti per apprezzare meglio il fascino e la rilevanza della ricerca scientifica, attraverso il racconto dei successi e delle conquiste ottenute dalle donne.

L'incontro è aperto dai saluti istituzionali di Annalisa Oboe, prorettrice alle relazioni culturali, sociali e di genere dell’Università di Padova, e di Francesco Pagano, presidente della Fondazione Ricerca Biomedica Avanzata. All'evento interviene anche Nicoletta Maraschio, la prima donna alla guida dell'Accademia della Crusca, della quale è stata presidente dal 2008 al 2014 e ora ne è presidente emerito.

A seguire, Rossella Panarese, autrice e conduttrice di Radio3Scienza, modera due round di tavole rotonde, in cui alcune scienziate raccontano la propria esperienza. Le protagoniste sono Marcella Bonchio, professoressa nel dipartimento di Scienze chimiche e prorettrice alla ricerca scientifica dell’Università di Padova, Laura Secco, docente di politica e economia forestale nel dipartimento Territorio e sistemi agro-forestali, Zimi Sawacha, ricercatrice del dipartimento di Ingegneria dell'informazione, Monica Montopoli e Onelia Gagliano, entrambe ricercatrici dell’Istituto Veneto di Medicina Molecolare, Gabriella Chiellino, presidente EAmbiente e delegata per Venezia della Fondazione Bellisario. Intervengono inoltre Gaya Spolverato, chirurga oncologica, e Daunia Verdi, chirurga generale, rispettivamente presidente e vicepresidente dell'associazione Women in surgery, che hanno ricevuto una menzione speciale per i loro elaborati alla prima edizione del Premio Cornaro.

La realizzazione dell'evento è resa possibile anche grazie alla Fondazione Bellisario Delegazione Veneto.

L'evento è a ingresso libero su prenotazione.