Guerre e fact checking: la difficoltà di conoscere la verità

Guerre e fact checking: la difficoltà di conoscere la verità

12.12.2023 10:00 - 12.12.2023 13:00
Categorie: Cultura, Webinar e Corsi
Visite: 226

Come se non bastasse la guerra in Ucraina, sulla quale ovviamente rimangono ancora accesi i riflettori, un altro conflitto sta tenendo banco dal 7 ottobre. E’ quello cruento tra Israele e Hamas che si sta consumando nella Striscia di Gaza, una pericolosa miccia rimasta sempre accesa in Medioriente. Le immagini che ci arrivano dai media sono terrificanti: una strage di esseri umani. Il rischio è che le ostilità possano estendersi fino ai confini con il Libano, coinvolgendo i Paesi limitrofi. Nel frattempo appare chiaro che il ruolo di Russia e Cina sia limitato e non incisivo. Che si arrivi a una soluzione diplomatica o a un’escalation, a determinare gli schieramenti della guerra o della tregua sarà ancora una volta il sistema di alleanze statunitensi e il dialogo con le potenze regionali mediorientali. Ma dietro l’attacco di Hamas c’è un altro bombardamento fatto da un numero esponenziale di notizie tutte da verificare. Il Fact Checking, che impazza sui social e non solo, confonde e crea confusione. La proliferazione di notizie non verificabili sta quindi diventando sempre più pericolosa. Ma come è possibile fare chiarezza? Come individuare le notizie “sicure”? Tra l’altro la maggior parte di queste informazioni provengono sia da canali aperti con Hamas che da fonti riconducibili a Israele. Perché? Dove sta la verità?
Docenti

Umberto Rapetto, giornalista, esperto di sicurezza informatica. Generale Gdf già comandante Nucleo Specale Frodi Telematiche
Marina Cocozza, giornalista esperta di comunicazione e linguaggi
Docente, organizzatrice e moderatrice

Marina Cocozza, giornalista esperta di comunicazione e linguaggi

Iscriviti alle newsletter di takethedate.it e ricevi ogni settimana una mail con i principali appuntamenti a tema sanità, politica, economia, energia e ambiente, webinar, agrifood, TLC