Contrasto alla violenza di genere

22.01.2020 08:30 - 22.01.2020 16:30
Postato da Amministrazione
Categorie: Cultura
Visite: 712

Corso riconosciuto dal MIUR ai sensi della Dir. 170/2016 ID 37337; ID edizione 56446

Mercoledì 22gennaio 2020, ore 8.30/16.30

Fondazione Lelio e Lisli Basso, Via della Dogana Vecchia 5, 00186 Roma

Per info e iscrizioni: Valentina Pagliai: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La violenza sulle donne è una forma di violazione dei diritti umani fondamentali. Secondo la ‘Convenzione di Istanbul’ tale violenza trae origine dai rapporti di forza storicamente diseguali tra i sessi. Diseguaglianze e disparità, in termini di potere e discriminazioni, sono alla base della dimensione strutturale della violenza di g enere, anche all’interno delle nostre democrazie. Ciascuna donna, per il semplice fatto di appartenere al genere femminile, ha motivo di temere la violenza. I corpi delle donne, resi merce dal linguaggio multimediale, dagli stereotipi e dai pregiudizi, sono divenuti meri oggetti a disposizione degli uomini e dei loro sguardi; corpi senza valore e senza dignità. Questi elementi, contrastanti con la piena e riconosciuta cittadinanza delle donne, rendono necessario e urgente un approccio complesso, integrato e multidisciplinare alle politiche di contrasto alla violenza di genere.

Il corso sarà tenuto in collaborazione con giornaliste e giuriste fondatrici della Carta di Viareggio e con gli esperti della Fondazione Lelio e Lisli Basso e del Tribunale Permanente dei Popoli; intende mettere a frutto una molteplicità di competenze: giuridiche, sociologiche, polititologiche, psicologiche, mediche ed economiche. Il corso affronterà anche la questione della vulnerabilità delle donne nei processi migratori, da un punto di vista sia sociologico che culturale.

DESTINATARI DEL CORSO:
Docenti delle scuole secondarie di I e II grado

DESTINATARI FINALI:
Studenti delle scuole secondarie di I e II grado.

RISULTATI ATTESI:
Il corso si pone il fine di trasmettere ai docenti delle informazioni di base sulla situazione sia normativa che reale della violenza connessa al genere e fornire strumenti per affrontarla in classe e gestire eventuali criticità.

Il corso verrà suddiviso in una prima parte storico-teorica sull’educazione ai diritti umani; la II parte sarà dedicata all’inquadramento giuridico-normativo e a come la stampa italiana affronta il tema, mentre la III parte sarà dedicata i giochi di ruolo da replicare in classe.

VALUTAZIONE DI IMPATTO:
• numero di scuole che parteciperanno al progetto
• numero di scuole che decideranno di aderire a Carta di Viareggio
• numero di studenti che decideranno di rimanere in contatto con RFKI

PROGRAMMA:
8.30-9:00
Accredito partecipanti

9:00-10:00
La storia dei diritti umani dal Cilindro di Ciro ai giorni nostri
Valentina Pagliai, Fondazione Kennedy

10:00-11:00
I Diritti dei popoli ieri e oggi
Franco Ippolito, Presidente della Fondazione Lelio e Lisli Basso onlus Gianni Tognoni, Segretario Generale del Tribunale Permanente dei Popoli

11:00‐11.15: pausa caffè

11.15-12.15
La violenza di genere in Italia: norme e pratiche
Gaetana Morgante, Scuola Superiore Sant’Anna, Pisa

12.15-13:00
Le parole della violenza di genere
Ilaria Bonuccelli, giornalista de Il Tirreno

13:00-14:30: pausa pranzo

14:30-15:30
La trasformazione dei ruoli di genere nei percorsi migratori
Augusta Angelucci, psicologa e senior gender advisor, S. Camillo Forlanini

15:30 -16:30: role plays

Robert F. Kennedy Human Rights Italia
Il Robert F. Kennedy Human Rights con sede a Washington DC è un’organizzazione no profit creata nel 1968 dagli amici e familiari del Senatore Robert F. Kennedy, per portarne avanti l’eredità morale e realizzare il suo sogno di un mondo più giusto e pacifico. Grazie ai diversi programmi e ad un’intensa attività di sensibilizzazione ed educazione ai diritti umani, il centro si rivolge alle future generazioni di donne e uomini, madri e padri, studenti e lavoratori. Nel 2004 il Robert F. Kennedy Center, presieduto da Kerry Kennedy, settima figlia di Robert Kennedy, lanciò in Italia, riscontrando un grande successo, il progetto educativo “Speak Truth To Power”, un’iniziativa globale dedicata alla formazione e sensibilizzazione sul tema dei diritti umani.

Fondazione Lelio e Lisli Basso e Tribunale Permanente dei Popoli
La Fondazione Lelio e Lisli Basso onlus è uno dei più prestigiosi centri internazionali di documentazione e ricerca, di formazione e promozione culturale sulle società contemporanee. Nasce a Roma nel 1973 dalla fusione della ricca biblioteca personale di Lelio Basso con l’Istituto per lo studio della società contemporanea (1969), ed è stata eretta in Ente morale con decreto del Presidente della Repubblica italiana nel giugno 1974. Luogo di riferimento per diverse generazioni di studiosi, politici e intellettuali, la sua missione è quella di promuovere le culture della democrazia e dei diritti. Dal 1979, il Tribunale Permanente dei Popoli integra nelle attività della Fondazione Basso la vocazione globale alla promozione dei diritti umani e dei diritti dei popoli. La sua specificità, espressa nel suo statuto, risiede nell’ indagine rivolta ai casi di crimini contro la pace, crimini contro l’umanità, genocidio, nonché ai crimini riconducibili alle attività economiche e ai crimini di sistema.

Carta di Viareggio
Carta di Viareggio nasce su iniziativa di alcune giuriste della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e dell’Università di Pisa, di giornaliste, imprenditrici ed operatrici nel settore del contrasto alla violenza di genere nel febbraio 2019. L’intento è quello di promuovere il contrasto ad ogni forma di violenza connessa al genere attraverso attività di formazione e divulgazione, nonché migliorare la normativa vigente sia a livello nazionale, che a livello europeo.

Questo sito Web utilizza i cookie per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web