Presentazione del libro: “Geopolitica dell’esplorazione spaziale – la sfida di Icaro nel terzo millennio”

05.11.2019 17:30 - 05.11.2019 19:30
Centro Studi americani
Postato da Amministrazione
Categorie: Politica, Cultura
Visite: 633

Perché gli Stati Uniti hanno lanciato la nuova Space Force? Come è cambiata la competizione oltre l’atmosfera? E come sarà lo Spazio europeo dopo la ministeriale Esa di Siviglia?

Proverà a rispondere l’evento organizzato dalle riviste Airpress e Formiche il prossimo 5 novembre al Centro Studi Americani di Roma, dove verrà presentato il libro “Geopolitica dell’esplorazione spaziale – la sfida di Icaro nel terzo millennio”, edito da Rubbettino e scritto da Marcello Spagnulo.

Dopo i saluti iniziali dell’On. Niccolò Invidia, coordinatore dell’Intergruppo parlamentare Aerospazio, e l’introduzione del professor Carlo Pelanda, ne discuteranno con l’autore il capo di Stato maggiore dell’Aeronautica, generale Alberto Rosso, il presidente dell’Agenzia spaziale italiana Giorgio Saccoccia, e il cosmonauta Walter Villadei. A chiudere i lavori sarà l’On. Angelo Tofalo, sottosegretario di Stato alla Difesa, mentre la moderazione è affidata al nostro direttore Flavia Giacobbe.

Con la prefazione di Luca Parmitano, attualmente al comando della Stazione spaziale internazionale, e la postfazione di Carlo Pelanda, il libro di Spagnulo (qui una recensione del generale Mario Arpino) è un viaggio nei settant’anni di storia e geopolitica di un’avventura al di là dei confini dell’atmosfera terrestre. Non solo passato però, visti i tanti riferimenti ai programmi in partenza e alle manovre spaziali delle grandi potenze (anche nel Vecchio continente). La nuova sfida nell’Universo è già iniziata, e il libro di Spagnulo è una bussola per orientarvisi.

Questo sito Web utilizza i cookie per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web