Progetto ES-PA e contributo dell’Osservatorio Climatico ENEA di Lampedusa allo sviluppo sostenibile sul territorio: 25 anni di ricerche sul clima

Progetto ES-PA e contributo dell’Osservatorio Climatico ENEA di Lampedusa allo sviluppo sostenibile sul territorio: 25 anni di ricerche sul clima

06.12.2022 10:00 - 06.12.2022 17:30
ibrido
Postato da Amministrazione
Categorie: Ambiente
Visite: 346

Il progetto ES-PA, Energia e Sostenibilità per la Pubblica Amministrazione, ha previsto l’implementazione di progetti integrati territoriali per lo sviluppo sostenibile, la rigenerazione urbana, l'uso efficiente delle risorse e il turismo sostenibile che favoriscano, al contempo nuove filiere produttive legate ai principi dell’economia circolare, attraverso l’applicazione di soluzioni tecnologiche, metodologiche e di governance innovative e il rafforzamento delle competenze locali su questi temi.

Il progetto “Lampedusa: un’isola-faro nel Mediterraneo su ambiente e clima” è stato un intervento integrato volto a migliorare la gestione ambientale e lo sviluppo sostenibile dell’isola. Avvalendosi dell’Osservatorio Climatico ENEA di Lampedusa, attivo dal 1997 e nodo di importanti reti internazionali di misura; il progetto ha coinvolto funzionari della Pubblica Amministrazione (PA) e un ampio pubblico sui temi ambientali e in particolare sugli effetti dei cambiamenti climatici e sulla valorizzazione del capitale naturale. Questo convegno è l’occasione, per presentare e promuovere la replicabilità delle iniziative realizzate che hanno coinvolto l’Osservatorio Climatico ENEA in varie azioni, con l’obiettivo di dare supporto agli amministratori e stakeholders locali e di creare nuove collaborazioni e sinergie sul territorio delle Isole Pelagie.

L’Osservatorio, nato 25 anni fa a consolidamento delle attività di monitoraggio dei gas serra iniziate nel 1992, è dedicato allo studio del clima del Mediterraneo e globale, ed è un punto di riferimento internazionale per la ricerca sui processi climatici.  Oggi, è un Osservatorio integrato che contribuisce a varie reti di misura globali sul clima (ad esempio il Global Atmosphere Watch dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale), e alle principali infrastrutture di ricerca ambientali Europee, sia sul ciclo del carbonio (Integrated Carbon Observing System, ICOS) che sul rilevamento di componenti atmosferici (Aerosol, Clouds, and Trace gases Research Infrastructure, ACTRIS) e marini (European Multidisciplinary Sea Floor and Water Column Observatory, EMSO).  Tra i dati ottenuti dall’Osservatorio, ci sono ad esempio quelli utilizzati per controllare l’aumento della CO2 in atmosfera, la cui concentrazione è arrivata a circa 420 ppm (nel 1992 era pari a 355 ppm), e per studiare i meccanismi alla base della intensa e lunghissima ondata di calore dell’estate 2022.

L'evento si svolgerà in modalità ibrida. La partecipazione in presenza è su invito, la partecipazione da remoto è libera e gratuita previa registrazione on line. Agli iscritti saranno inviate successivamente le modalità di accesso all'evento.

Iscriviti alle newsletter di takethedate.it e ricevi ogni settimana una mail con i principali appuntamenti a tema sanità, politica, economia, energia e ambiente, webinar, agrifood, TLC