L’innovazione nella vaccinazione dell’adulto

L’innovazione nella vaccinazione dell’adulto

30.07.2021 12:00 - 30.07.2021 14:00
Categorie: Sanità
Visite: 145

In Europa, il 95% degli adulti ha avuto un contatto con il Virus Varicella Zoster, responsabile della varicella, un’infezione molto diffusa e tipica del periodo dell’infanzia.
Questo virus, dopo la risoluzione della varicella, alberga silente per tutta la vita nel Sistema Nervoso del nostro organismo.

L’Herpes Zoster (o Fuoco di S. Antonio) rappresenta la forma clinica legata alla riattivazione del virus e può essere causato dall’invecchiamento del sistema immunitario (immunosenescenza) o ad uno stato di alterazione dello stesso (per patologia o terapia). L’Herpes Zoster è comunemente caratterizzato da una eruzione cutanea, caratteristica per la presenza di vescicole contenenti siero e che evolvono successivamente in croste prima di scomparire.

Il virus della varicella si riattiva soprattutto dopo i 50 anni, causando un dolore neuropatico nell’area dell’eruzione che, in alcuni casi, può perdurare anche per lungo tempo dando luogo alla principale complicanza della malattia, la nevralgia post-erpetica, una condizione fortemente invalidante e poco responsiva ai trattamenti.
I vaccini sono una valida soluzione in quanto possono prevenire totalmente l’infezione anche negli ultrasettantenni, con un’azione che perdura anche dopo quattro anni dalla somministrazione.

Questo sito Web utilizza i cookie per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web

Iscriviti alle newsletter di takethedate.it e ricevi ogni settimana una mail con i principali appuntamenti a tema sanità, politica, economia, energia e ambiente, webinar, agrifood, TLC