CambiaMobilità – dal problema trasporto alla mobilità elettrica

14.12.2017 20:30 - 14.12.2017 22:30
Agenzia per l’energia e lo sviluppo sostenibile
Postato da Amministrazione.
Categorie: Ambiente, Trasporti
Visite: 292

“CambiaMobilità – dal problema trasporto alla mobilità elettrica”: è questo il titolo dell’incontro pubblico organizzato dagli Ecologisti democratici di Modena insieme ai Giovani democratici per la sera di giovedì 14 dicembre. Interverranno l’amministratore unico di Amo Andrea Burzacchini, il presidente di Seta Vanni Bulgarelli e il direttore di Aess Gabriele Andreoli. Moderano Simona Arletti (Ecodem) e Kristi Cenolli (Gd). Previsto anche l’intervento di rappresentanti delle associazioni di promozione ciclistica e green economy. L’appuntamento è presso la sede dell’Agenzia per l’energia e lo sviluppo sostenibile, a Modena, in via Caruso 3, a partire dalle ore 20.30. Il commento di Simona Arletti e Kristi Cenolli:

“La mobilità, il suo impatto sulla qualità della vita e della salute delle persone, i cambiamenti in corso e quelli che sono ancora necessari, in particolare per rendere più fluida e sostenibile la mobilità modenese. Di tutto questo vorremmo ragionare nel corso di un incontro pubblico che abbiamo convocato, per la sera di giovedì 14 dicembre, a Modena, presso la sede dell’Agenzia per l’energia e lo sviluppo sostenibile, in via Caruso. Abbiamo ospiti importanti, che potranno aggiornarci su quanto si sta realizzando e ancora discutendo su questi temi. Con Vanni Bulgarelli, il presidente di Seta, parleremo degli impegni per un servizio di trasporto pubblico moderno e integrato, con Gabriele Andreoli, direttore di Aess, approfondiremo l’aspetto delle novità sulla mobilità elettrica e del carsharing, con i rappresentanti delle associazioni di promozione ciclistica dei passi da fare per favorire l’uso della bicicletta, non solo nel tempo libero, ma anche nel percorso tra casa e lavoro. Infine con Andrea Burzacchini, l’amministratore unico di Amo, vorremmo confrontarci sulle scelte più generali che possono spostare il modal split modenese, la ripartizione modale dei trasporti, verso una maggiore sostenibilità del sistema. L’iniziativa è aperta alla partecipazione di tutti gli interessati”.

Questo sito Web utilizza i cookie per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web