La sicurezza sismica degli edifici: a che punto siamo?

La sicurezza sismica degli edifici: a che punto siamo?

04.03.2020 14:30 - 04.03.2020 17:30
Centro Ricerche ENEA Portici
Postato da Amministrazione
Categorie: Edilizia
Visite: 271

'Italia è un paese ad alto rischio sismico. In 2500 anni, infatti, la Penisola è stata interessata da più di 30.000 terremoti di media e forte intensità. Alla elevata pericolosità, dovuta alla frequenza dei terremoti che hanno storicamente interessato il suo territorio e all'intensità che alcuni di essi hanno raggiunto, si combina una vulnerabilità molto elevata, per la notevole fragilità del patrimonio edilizio, nonché del sistema infrastrutturale, industriale, produttivo e delle reti dei servizi.

I terremoti che hanno colpito la Penisola hanno, infatti, causato danni economici consistenti, valutati per gli ultimi quaranta anni in circa 135 miliardi di euro, che sono stati impiegati per il ripristino e la ricostruzione post-evento. A ciò si devono aggiungere le conseguenze, non traducibili in valore economico, sulle vite umane e sul patrimonio storico, artistico, monumentale. L’elevatissimo impatto sociale ed economico degli eventi sismici sul nostro Paese, rende estremamente urgente una azione preventiva di adeguamento sismico del patrimonio edilizio.

A partire da questa urgenza, l’Ordine degli Ingegneri, in collaborazione con ATIA, OPUS, PORTICUM e l’ENEA, che ospiterà l’evento, ha organizzato un convegno con  la finalità di fare il punto sullo stato delle tecniche di adeguamento sismico degli edifici e del loro utilizzo, anche in considerazione dei meccanismi incentivanti al momento disponibili.

L’evento è patrocinato dal Comune di Portici e dagli Ordini degli Architetti, dei Geologi e dei Geometri.

Questo sito Web utilizza i cookie per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web