Certificazioni e controlli nel mercato globale: costo od opportunità per le imprese agricole e alimentari?

Salva sul calendario
Da 28.11.2017 09:00 fino a 28.11.2017 13:00
Inserito da Amministrazione
Visite: 486

28 novembre 2017

Luogo: Firenze

Organizzatore: Accademia dei Georgofili

Giornata di studio - ore 9.00 - Sede accademica

Certificazioni e controlli nel mercato globale: costo od opportunità per le imprese agricole e alimentari?

Il mercato dei prodotti agroalimentari è sempre più un mercato globale e transnazionale, nel quale operano – accanto alle tradizionali fonti ed istituzioni di matrice statale o comunque pubblica – fonti private, autorità regolatrici, norme tecniche, regole applicative, standard di origine privatistica, ma di assai incerta collocazione nella dicotomia pubblico-privato, cogente-volontario, che ha guidato a lungo gli ordinamenti nazionali, con geometria limpida e rassicurante, ma ormai perduta. Ai controlli ufficiali, affidati a soggetti pubblici ed articolati secondo i modelli propri del procedimento amministrativo, si sono affiancati in misura crescente certificazioni affidate a soggetti privati operanti secondo logiche di mercato e di concorrenza. 
In particolare, per quanto attiene alle certificazioni di qualità, siano esse quelle normativamente definite (DOP, IGP, e STG per prodotti alimentari, DOP e IGP per vini e prodotti alcolici, prodotti biologici, prodotti da agricoltura integrata, altri prodotti di qualità come identificati dal Regolamento UE n. 1151/2012) o quelle volontarie, il modello uniformemente adottato in Europa è quello della certificazione a titolo oneroso ad opera di organismi previamente iscritti in Registri nazionali, soggetti al controllo di un’Autorità pubblica. A far tempo dal Regolamento CE n. 765 del 2008, l’accreditamento degli organismi di certificazione in ciascuno degli Stati membri è affidato ad un “unico organismo autorizzato da tale Stato a svolgere attività di accreditamento” (per l’Italia: Accredia), e la vigilanza sulla loro attività è affidata all’ICRF del Mipaaf. 
Ne risulta un sistema complesso, che comporta per le imprese agricole ed alimentari rilevanti oneri organizzativi oltre che economici, ma che nel medesimo tempo consen-te ai produttori, anche di piccole dimensioni, di presentarsi sui mercati, domestico e globale, offrendo ai consumatori la garanzia di prodotti conformi agli standard di qualità dichiarati. 
La Giornata di studio organizzata dall’Accademia si propone come occasione di confronto su questi temi secondo una pluralità di prospettive e di esperienze, ed intende esaminare criticità e punti di forza del sistema di certificazione dei prodotti agroalimentari quale concretamente realizzato nel nostro Paese, così da poter formulare proposte condivise per le sfide che la globalizzazione dei mercati pone ai produttori. 

Programma

Ore 10.00 – Prima Sessione 

Il tema 

Ferdinando Albisinni, Globalizzazione e Certificazione tra concorrenza e tutela 

Mercato locale e globale e tutela internazionale delle certificazioni di prodotto 

Paolo Borghi, Il quadro normativo internazionale 
Matteo Ferrari, Esperienze e strumenti di tutela: un’analisi comparativa 
Valeria Paganizza, Laura Salvi, Qualità del territorio rurale e qualità dei prodotti 

I soggetti pubblici nei processi di certificazione 

Filippo Trifiletti, Accredia dopo il Regolamento n. 765/2008 
Stefano Vaccari, L’ICQRF dopo la legge sul vino ed i nuovi regolamenti UE 

Gli organismi di certificazione tra locale e globale 

Luca Sartori, Certificazione, da obbligo di legge a valore aggiunto 
Ilio Pasqui, L’esperienza maturata in Toscana e il valore di garanzia delle certificazioni 
Giuseppe Liberatore, Organismi di certificazione e Consorzi di tutela 

Certificazione, mercato, e sistemi agroalimentari 

Giovanni Belletti, Certificazione dell’origine, imprese e sistemi agroalimentari locali 
Ivan Malevolti, La percezione del valore della certificazione da parte degli imprenditori 
Erminio Monteleone, La valutazione delle proprietà sensoriali nell’ambito della certificazione 

Sospensione dei lavori 

Ore 15.30 – Tavola Rotonda 
Coordina i lavori Matteo Bernardelli, giornalista 
Partecipano: 
Stefano Vaccari, Ministero per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali 
Leonardo Di Gioia, Coordinatore Commissione Politiche Agricole Conferenza delle Regioni e Province Autonome 
Albino Russo, Direttore Generale Associazione Nazionale Cooperative Consumatori – Coop 
Riccardo Ricci Curbastro, Presidente Federdoc 
Luca Giannozzi, Accademico dei Georgofili 

Considerazioni finali a cura dell’Accademia dei Georgofili 

Ore 17.30 – Conclusione dei lavori 

È stato invitato a partecipare ai lavori Luca Sani, Presidente XIII Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati 


La partecipazione è riservata a coloro che si saranno registrati entro venerdì 24 novembre a adesioni@georgofili.it 
Le iscrizioni saranno accolte compatibilmente con la capienza della sala 






Segui i canali tematici su Telegram:

Telegram.pngAGRIFOOD
Telegram.png AMBIENTE ED ENERGIA
Telegram.pngSANITA'
Telegram.pngPOLITICA
Telegram.pngECONOMIA


 

 

 

Categorie Principali

politica

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti

Scegli il campo d'interesse
­