L’impronta ambientale di prodotto quale strumento per aumentare l’innovazione e la competitività nella filiera vitivinicola

Salva sul calendario
Da 17.04.2019 10:00 fino a 17.04.2019 16:00
Visite: 119

Mercoledì 17 aprile a Cellino San Marco (Brindisi) si terrà il workshop “L’impronta ambientale di prodotto quale strumento per aumentare l’innovazione e la competitività nella filiera vitivinicola” organizzato da ENEA e Federalimentare per presentare i primi risultati del progetto PEFMED, che punta a ridurre l’impronta ambientale dei prodotti (Product Environmental Footprint - PEF) e ad accrescere l’innovazione in chiave green della filiera agroindustriale (ore 10–16, “Cantine Due Palme”, via San Marco 130 - Cellino San Marco).

Oltre al settore vitivinicolo, l’evento sarà anche l’occasione per illustrare gli scenari d’intervento tecnologici e gestionali della PEF su altre filiere, tra cui quella lattiero-casearia, con l’obiettivo di valutare l’impatto ambientale dell’intero ciclo produttivo, dalla produzione delle materie prime alla lavorazione, dall’imballaggio alla distribuzione, fino alla gestione dei rifiuti.

All’evento interverranno, tra gli altri, il Sindaco di Brindisi Riccardo Rossi oltre a ricercatori ENEA e rappresentanti di associazioni e imprese del settore agroindustriale.

Al termine della sessione mattutina è previsto un light lunch con percorso enogastronomico e degustazione di vini.

In allegato il programma completo.

Per accrediti stampa ufficiostampa@enea.it






Segui i canali tematici su Telegram:

Telegram.pngAGRIFOOD
Telegram.png AMBIENTE ED ENERGIA
Telegram.pngSANITA'
Telegram.pngPOLITICA
Telegram.pngECONOMIA


 

 

 

Categorie Principali

politica

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti

Scegli il campo d'interesse
­